Archivio Tag: i sogni nelle lacrime

QUANTI CAZZO DI SOLDI HO?

È strano pensare a quante cose si possano comprare già fatte. Belle e buone. Pronte all’uso. La casa già arredata, la macchina super-accessoriata. La prostituta di turno già slabbrata, in modo tale da non doversi impegnare più di tanto nell’amplesso. E poi i maglioni già cuciti, i computer già assemblati e i ritratti di famiglia già stampati e appesi al muro. Eppure, tra le tante cose che potrei comprare, la sigaretta è l’unica cosa che odio avere già pronta per l’utilizzo. Mi piace metterla insieme e farmela da me. Con la giusta dose, la giusta forma, la giusta compattezza. Compro il tabacco. Compro i filtrini. Compro le cartine. Torno a casa, me ne preparo un paio e me le fumo….
Continua a leggere

Un’ultima recensione per “I sogni nelle lacrime” a cura di Giovanni d’Alessandro

Nell’immaginario paese di Treccami, che non è collocato in the middle of nowhere, al centro del nulla, ma che s’immagina appartenere al centro-sud dove è nato e vive l’Autore Giampiero Margiovanni (classe 1990, nato ad Atri e residente in Abruzzo, con precedenti esperienze in materia di produzione poetica e teatrale), i vecchi trasmettono ai più piccoli la loro esperienza. Tanto più preziosa perché astratta dalle contingenti coordinate del mondo in cui si troveranno, da adulti, a vivere, e da riferirsi alla vita in sé, nel tributo di lotta e di coraggio, di sofferenza e di vittoria che ogni esistenza, in ogni tempo, richiede. E tanto più preziosa perché qui c’è una nonna straordinaria, Angelica, a trasmetterla ai nipoti, i fratellini…
Continua a leggere

I sogni nelle lacrime al #FLA17

Per me è davvero una gioia immensa comunicare che il 9 Novembre sarà di nuovo presentato a Pescara il mio romanzo I sogni nelle lacrime. Questa volta l’evento si terrà all’interno del Festival delle Letterature dell’Adriatico o Festival dei Libri e Altrecose, meglio conosciuto come FLA. Tutto si svolgerà presso il Circolo Aternino alle ore 17. Con me, per parlare del racconto, ci sarà la Dott.ssa Angelica Di Pancrazio. Ad assistere, spero che ci sarete voi. Numerosi. Per questa grande opportunità che mi è stata data, devo ringraziare innanzitutto il mio editore Marco Solfanelli, che ha proposto il mio libro al Festival e la stessa giuria dell’evento che lo ha scelto. Un grazie in particolare va anche alla sopra citata…
Continua a leggere

Le 5 W de I sogni nelle lacrime

Stavo pensando..e già la cosa è abbastanza grave che ho iniziato a scrivere “I sogni nelle lacrime” circa 4 anni fa. Non avrei mai pensato che un giorno sarei riuscito a pubblicarlo. Quando l’ho iniziato a scrivere non pensavo di finirlo. Prima di iniziare a scriverlo non pensavo di riuscire ad iniziarlo. Questo forse significa che prima o poi tutto prende la direzione che deve prendere e ogni tassello si mette al proprio posto. Ricordo che iniziai a scrivere i primi capitoli intorno al secondo anno di università. Durante le pause tra una lezione e un’altra. L’ho continuato nei mesi, e poi negli anni successivi, un po’ ovunque: nella biblioteca comunale di Atri e in quella di Pineto; a casa…
Continua a leggere

Siamo ciò che dobbiamo diventare

Stavo pensando… e già la cosa è abbastanza grave, che non è semplice raccontare come e quando si inizia a scrivere. E nemmeno il perché lo si fa. Se chiedete a qualsiasi scrittore, pseudo-scrittore, poeta, narratore, cantautore, quello che volete, probabilmente vi dirà che lo fa da sempre. Che è innato. Che ce l’ha da dentro da quando era piccolo. Ed è quello che forse vi dirò anch’io. Nessuno si sveglia la mattina e dice “oggi voglio fare lo scrittore, il calciatore, la ballerina, l’attrice, l’attore”, come nemmeno nessuno si ritrova lì a farlo per caso, della serie, “passavo…”. Siamo quello che siamo. Sono dell’idea che è tutto scritto e che poco si possa cambiare davvero. Ma dare una data…
Continua a leggere

Giampiero Margiovanni – Lo Scrittore

Stavo pensando, e già la cosa è abbastanza grave, che la frase “stavo pensando…e la già la cosa è abbastanza grave” è un’espressione, una specie di intercalare, che usavo sempre per introdurre un qualsiasi argomento quando avevo 15 anni e frequentavo il liceo artistico a Pescara. Non avrei mai pensato che a distanza di così tanto tempo quella “cosa” sarebbe potuta diventare il titolo di un blog nel sito dedicato ai miei libri. A dire il vero non avrei mai pensato di riuscire a mettere su un blog. A dire il vero non avrei mai pensato di poter mettere su neanche un sito. E non credevo nemmeno che sarei mai riuscito a pubblicare qualcosa che portasse il mio nome. Come…
Continua a leggere